Redcore Linux 2201: è arrivata una nuova versione disponibile!

Redcore Linux 2201: è arrivata una nuova versione disponibile!

Redcore Linux 2201: è arrivata una nuova versione disponibile!

Esattamente quasi un anno fa, il Progetto Linux Redcore lancia il tuo versione 2102 (Polaris), e come di consueto affrontiamo detto comunicato in tempi molto tempestivi pubblicazione. E, come pochi giorni fa ha nuovamente rilasciato una nuova versione chiamata Redcore Linux 2201, perché ancora una volta approfondiremo le notizie di detto lancio.

Se non hai mai sentito parlare del Distribuzione Linux Redcore, è bene iniziare col dire che questo progetto cerca di creare e offrire a Distribuzione GNU / Linux con la migliore combinazione di eccellente funzionalità Gentoo e l'uso facile e semplice di altre distribuzioni GNU/Linux, per ottenere a migliore esperienza utente durante l'installazione e l'utilizzo su base giornaliera.

gentoo-linux

E, prima di commentare questo post sul rilascio di Redcore Linux 2201, lasceremo alcuni link a post correlati precedenti per la lettura successiva:

gentoo-linux
Articolo correlato:
Le build live su Gentoo sono riprese e saranno settimanali

gentoo-linux
Articolo correlato:
Gli sviluppatori Gentoo considerano la possibilità di costruire parti binarie del kernel

Redcore Linux 2201: Rastaban, nuova versione disponibile

Red Core Linux 2201: rastaban, nuova versione disponibile

Cos'è il progetto Linux Redcore?

Secondo il team di sviluppo di questo progetto, nel loro Sito ufficiale, la Distribuzione Linux Redcore è, una distribuzione basata sul ramo di test di Gentoo Linux che utilizza un profilo rinforzato per impostazione predefinita.

Inoltre, è un file forchetta e una continuazione del già defunto progetto di Kogaion distribuzione Linux. Pertanto, proprio come kogaion linux, cerca di portare la potenza di Gentoo Linux alle masse (dagli utenti Linux).

motivo per cui, sìu obiettivo principale è offrire un modo molto veloce per installare un sistema compatibile con Gentoo Linux, senza spendere ore o giorni a compilare dal codice sorgente, leggere la documentazione, tra molte altre cose noiose, dispendiose in termini di tempo e complesse. E per raggiungere questo obiettivo, forniscono, insieme a Distro, un repository con pacchetti binari pre-costruiti che riceve aggiornamenti continui.

Articolo correlato:
Redcore Linux 2102 è già stato rilasciato e queste sono le sue novità

Novità di Redcore Linux 2201

Tra le novità di questo lancio, possiamo evidenziare quanto segue:

Top Stories

  1. Il suo nome completo è Redcore Linux Hardened 2201 e il nome in codice assegnato è Rastaban.
  2. Mantiene e migliora l'obiettivo di essere una distribuzione a rilascio progressivo, quindi continua a risincronizzarsi con l'albero di test di Gentoo Linux ogni 6 ore.
  3. Include i seguenti pacchetti di base essenziali: linux headers 5.19, glibc 2.35, gcc 12.2.0, binutils 2.39. E inoltre, i seguenti utili programmi di sistema: tabella 12.2.0, Xorg 21.1.4, Xwayland 21.1.3 e lo stack grafico basato su libdrm 2.4.113. Oltre a stack di suoni basati su alsa 1.2.7.2, pulseaudio 16.1 e gstreamer 1.20.3.
  4. Offre il kernel Linux LTS 5.15.71, l'ambiente desktop KDE Plasma 5.25.5 insieme a KDE Gear 22.08.1 e KDE Frameworks 5.98.0. Per quanto riguarda i browser web, questi sono quelli disponibili per l'uso: Firefox 105.0.2, Chrome e Chromium 106.0.5249.91, Opera 90.0.4480.84, Vivaldi 5.4.2753.51 e Microsoft Edge 106.0.1370.34. E porta il software Esync e Timeshift.
  5. MQ-Deadline è lo scheduler I/O predefinito per SSD NVME e SATA e utilizza BFQ come scheduler I/O predefinito per HDD SATA.

correzioni

  1. Il tuo programma di installazione è stato corretto in modo che non sia più necessario utilizzarlo mod sonda ext4 al lavoro, in alcuni rari e strani casi. Inoltre, ora non consente più l'utilizzo di password vuote.
  2. Il programma sisyphus non si blocca più quando l'elenco delle dipendenze è troppo grande. E il backend Discover flatpak non richiede più troppo tempo per il caricamento.
  3. Il software WPA Supplicant incluso ora supporta algoritmi meno sicuri (WEP, WPS, TKIP).

Tuttavia, tra i suoi noti problemi irrisolti, il loro team di sviluppo segnala che, indipendentemente dalla lingua di installazione selezionata, il sistema installato viene sempre visualizzato in inglese. E non ha ancora un'integrazione di successo con VirtualBox.

Articolo correlato:
Una nuova storia per Gentoo
Articolo correlato:
La guida in 20 passaggi per l'installazione di Gentoo

Riepilogo: Banner post 2021

Riassunto

In sintesi, e dal punto di vista di chi non l'ha mai usato Gentoo Linux, Sono molto contento che i progetti piacciano Redcore Linux 2201 e altri, con questo orientamento di rendere più amichevoli nell'impiego e nell'aspetto, a certi Mother Distros (basi) sono in pieno sviluppo ed espansione. E, sicuramente per gli attuali fan di Gentoo, e di qualsiasi Distribuzione derivata da GNU/Linux di questo, questa versione sarà un buon contributo a quella comunità, sia per se stessi che per facilitare l'adozione di nuovi utenti usando la base Linux (Gentoo) che a loro piace tanto.

Se ti è piaciuto questo post, assicurati di commentarlo e condividerlo con gli altri. E ricorda, visita il nostro «pagina iniziale» per esplorare altre notizie e unirti al nostro canale ufficiale di Telegram di FromLinux, Ovest gruppo per ulteriori informazioni sull'argomento di oggi.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

3 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Antis suddetto

    Un'altra distribuzione anti-linux più totale, quindi non impari nulla su Linux dandoti tutto ciò che è stato fatto. Fortunatamente, avremo sempre Slackware e Gentoo, per imparare veramente Linux. Perché con tutto il resto impari solo a gestire le distribuzioni, ma non impari Linux, perché ti danno tutto fatto, anche Debian e Fedora, lo installi e dopo averlo installato ne cerchi uno, cosa fare dopo l'installazione ... e questo è tutto in un momento lo hai già. E non con Arch, non impari un cavolo, incolli 4 comandi nel terminale e in massimo 20 minuti hai installato arch e da lì in poi è tutto grafico, quindi purtroppo al momento abbiamo il mondo Linux completamente Windowsized con next next next o con copy e colpisco come un matto, dato che in arch e dell'intero ecosistema Linux ci sono solo 5 modi per imparare Linux. Per prima cosa, usa tutte le distribuzioni antilinux per avere solo un'idea e imparare a gestire diverse distribuzioni, ovvero Ubuntu e derivati, debian, fedora, manjaro, solus, mageia, suse, ecc. Secondo passo, inizi ad imparare Linux con slackware, terzo passo impari il vero Linux con Gentoo. Quarto, costruisci la tua distribuzione con LFS e sei già un esperto e quinto e ultimo, studi un corso privato e ufficiale per amministratore di sistema Linux e lo hai appena finito. Tutto il resto è una sciocchezza.

    1.    pelayo suddetto

      Il furbo sapientone che si crede un dio è dovuto uscire e dare lezioni stupide allo staff...

      1.    Nessuno suddetto

        E sfortunatamente lo smartass ha ragione... e qualcuno che ha usato gentoo testing per 14 anni e in questo momento, e non soddisfatto di gentoo, ha impostato un LFS tramite chroot da gentoo e sta configurando un BLFS quasi alla fine di it, che per mancanza di tempo non l'ho ancora finito.
        Il prossimo e ultimo passo sarà aggiungere le porte cruciali a LFS, quindi ho le mie porte per il gestore dei pacchetti e smetto di dipendere dagli enveloper che stanno suddividendo ogni distribuzione in mille pezzi con dipendenze forzate e binari precompilati con patch "non divulgate" ... hehe app Store.