GNU Make 4.4 è già stato rilasciato e queste sono le sue novità

gnu make

GNU make è uno strumento che controlla la generazione di eseguibili e altri file

Dopo quasi tre anni di sviluppo, il sistema di build GNU Make 4.4 è stato rilasciato, In questa nuova versione, oltre a correggere gli errori, si può notare che sono stati aggiunti miglioramenti, nonché che sono stati aumentati i requisiti per l'ambiente di compilazione.

Per quelli di voi che non conoscono GNU Make, dovreste sapere che questo è un'utilità di sviluppo incredibilmente popolare che organizza la compilazione di progetti software. Make viene spesso utilizzato per gestire il set di compilatori GCC, ma può essere utilizzato per qualsiasi attività di sviluppo software o confezionamento.

Poiché la creazione di programmi C/C++ di grandi dimensioni spesso comporta diversi passaggi, è necessario uno strumento come Make per garantire che tutti i file sorgente siano compilati e collegati. Make consente inoltre allo sviluppatore di controllare il modo in cui i file di supporto, come documentazione, pagine man, profili systemd, script di avvio e modelli di configurazione, vengono impacchettati e installati.

Make non è limitato a linguaggi come C/C++. Gli sviluppatori Web possono utilizzare GNU Make per eseguire attività ripetitive come minimizzare CSS e JS e gli amministratori di sistema possono automatizzare le attività di manutenzione.

Inoltre, gli utenti finali possono utilizzare Make per compilare e installare software senza essere un programmatore o un esperto del software che stanno installando.

Principali novità di GNU Make 4.4

In questa nuova versione che viene presentata, Le piattaforme OS/2 (EMX), AmigaOS, Xenix e Cray sono state deprecate, inoltre il supporto per questi sistemi sarà rimosso nella prossima versione di GNU Make.

Un'altra modifica presentata nella nuova versione è quella maggiori requisiti dell'ambiente di costruzione, per compilare GNU Gnulib ora è necessario un compilatore che supporti elementi dello standard C99.

Oltre ad esso, è stata aggiunta una destinazione build .WAIT Una funzione speciale che ti consente di sospendere l'avvio della build di determinati target fino al completamento della build di altri target.

Mentre .NOTPARALLEL, è implementata la possibilità di specificare i prerequisiti (file necessari per creare la destinazione) per avviare in sequenza le destinazioni ad esse associate (come se fosse stato impostato ".WAIT" tra ogni prerequisito).

D'altra parte è stato aggiunto .NOTINTERMEDIATE, che disabilita il comportamento associato all'uso di target intermedi (.INTERMEDIATE) per file specifici, file che corrispondono alla maschera o per l'intero makefile.

Su sistemi compatibili con mkfifo, viene fornito un nuovo metodo di interazione con il server di lavoro durante l'esecuzione parallela di lavori basati sull'uso di pipe con nome, più l'opzione “–jobserver-style=pipe” è stata aggiunta per restituire il vecchio metodo basato su pipe senza nome.

Si noti inoltre che l'uso di file temporanei nel processo di lavoro è stato ampliato (possono sorgere problemi quando il sistema di compilazione imposta una directory alternativa per i file temporanei (TMPDIR) e rimuove il contenuto di TMPDIR durante la compilazione).

Delle altre modifiche che si distinguono da questa nuova versione:

  • Implementata la funzione $(let...), che permette di definire variabili locali in funzioni definite dall'utente.
  • Implementata la funzione $(intcmp...) per confrontare i numeri.
  • Quando si utilizza l'opzione “-l” (–load-media), il numero di lavori da avviare ora tiene conto dei dati nel file /proc/loadavg sul carico sul sistema.
  • Aggiunta l'opzione "–shuffle" per mescolare i prerequisiti, consentendo un comportamento non deterministico nelle build parallele (ad esempio, per testare la correttezza della definizione dei prerequisiti in un makefile).

Infine se sei interessato a saperne di più, puoi controllare i dettagli nel seguente link

Come installare GNU Make su Linux?

Per coloro che sono interessati a poter installare questo strumento, possono farlo eseguendo uno dei seguenti comandi:

Per coloro che sono utenti di Debian/Ubuntu o qualche derivato questi:

sudo apt install make

Nel caso di coloro che sono utenti di Fedora/RHEL o derivati:
yum install make

Mentre per coloro che sono utenti di Arch Linux e derivati:

sudo pacman -S make


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.