Il kernel Linux: nozioni di base sul kernel

Il kernel Linux: nozioni di base sul kernel

Il kernel Linux: nozioni di base sul kernel

Ad oggi, "Il kernel Linux" lo ha già fatto oltre 30 anni e accumulare oltre 30 milioni di righe di codice. E proprio come abbiamo annunciato qui e su altri siti Web Linux, ha recentemente lasciato alle spalle lo sviluppo del suo serie 5, lasciando tutto, fino ad oggi, nel kernel 5.15.78 (a lungo termine) con supporto a lungo termine. E il kernel 5.19.17 (EOL), che segna la fine della vita utile della serie, quindi non riceverà più correzioni di bug.

Mentre, per quanto riguarda il suo serie 6, attualmente presente 2 filiali in pieno sviluppo. Uno il stabile, rappresentato da kernel 6.0.8 (stabile), e l'altro, il principale linea di sviluppo, rappresentato da Kernel 6.1-RC4. E, poiché c'è molto altro da sapere, oggi approfondiremo un po' di base ed essenziale in relazione ai Kernel dei sistemi operativi e al Kernel di Linux. Perché in un post successivo per esercitarti su di esso. Più precisamente, circa come compilarne uno direttamente sulle nostre distribuzioni GNU/Linux.

Rust Linux

L'integrazione di Rust in Linux ha avuto un alto livello di accettazione da parte della comunità e degli sviluppatori

E, prima di iniziare a leggere questo post su "il kernel Linux" In generale, lasceremo alcuni collegamenti a post correlati precedenti per la lettura successiva:

Rust Linux
Articolo correlato:
Linux 6.1 RC1, il primo sguardo a Rust su Linux

Rust Linux
Articolo correlato:
L'inclusione di Rust in Linux 6.1 è già in corso

Il kernel Linux: il nucleo del sistema operativo

Il kernel Linux: il nucleo del sistema operativo

Tutto sul kernel Linux

Informazioni sul kernel in generale

  • La parola "kernel" Ha la sua origine linguistica nella radice di origine germanica scritta come "Kern", che viene fedelmente tradotta come nucleo.
  • Un "kernel" è il nucleo o centro dei Sistemi Operativi tradizionali, e non di per sé. Pertanto, non sono concetti uguali ma correlati o complementari.
  • È quella parte di software all'interno di un sistema operativo che funziona in modalità privilegiata. Motivo per cui, è il software del Sistema Operativo che facilita che i diversi programmi dello stesso o installati su di esso, godano di un accesso sicuro ai componenti fisici (hardware) dell'apparecchiatura o del dispositivo, al fine di ottenere una gestione efficiente ed efficace di risorse disponibili.
  • Nei «Kernel, di solito ci sono elementi o parti, come ad esempio: il "Kernel Space", che è la parte del sistema operativo che funziona con privilegi elevati; e lo "Spazio utente", che in genere viene eseguito con privilegi bassi per consentire l'esecuzione delle applicazioni.
  • Il "Kernel" è responsabile dell'accesso e della condivisione dell'hardware in modo sicuro ed equo con più applicazioni utente. Ciò è dovuto al fatto che offre un insieme di "API", che le applicazioni solitamente richiedono, attraverso le cosiddette "chiamate di sistema". Inoltre, queste “API” rappresentano il limite al quale i processi in esecuzione passano dalla “Modalità utente” alla “Modalità kernel”.

Tipi di kernel conosciuti

  • Tra l' Tipi di kernel noti sono i seguenti:
  1. Monolitico: Sono quelli in cui non esiste protezione di accesso tra i diversi Sottosistemi che lo compongono, e in cui le funzioni pubbliche possono essere richiamate direttamente tra i diversi Sottosistemi. Questi sono generalmente grandi e complessi e cercano di contenere tutti i servizi del sistema operativo, ovvero non sono modulari. Di conseguenza, hanno prestazioni superiori rispetto a uno di tipo Microkernel, ma sono più difficili quando si tratta di gestire eventuali modifiche su di esso.
  2. micronocciolo: sono quelli in cui ampie sezioni di esso sono protette l'una dall'altra, normalmente funzionando come servizi nello spazio utente. Di conseguenza, parti significative di esso vengono eseguite in modalità utente, mentre il codice rimanente eseguito in modalità kernel è molto più piccolo. Inoltre, questo tipo di kernel, in quanto tale, contiene solo codice sufficiente per consentire il passaggio di messaggi tra diversi processi in esecuzione.
  3. ibridi: sono quelli che hanno, allo stesso tempo, la possibilità di scegliere ciò che si desidera eseguire in modalità utente e modalità kernel. Ciò consente loro di offrire il meglio di entrambi i tipi sopra menzionati. Tuttavia, questo di solito provoca un grande carico di lavoro sui produttori di hardware, poiché da loro dipenderà la responsabilità del corretto funzionamento dei driver. Inoltre, di solito presentano problemi di latenza, come nei microkernel.

Informazioni sul kernel Linux

Informazioni sul kernel Linux

Segun articolo dello stesso Richard Stallman detto Linux e il sistema GNU, il kernel Linux è definito come segue:

"Linux è il kernel: il programma di sistema responsabile dell'allocazione delle risorse della macchina agli altri programmi eseguiti dall'utente. Il kernel è una parte essenziale di un sistema operativo, ma di per sé inutile, può funzionare solo nell'ambito di un sistema operativo completo. Linux è normalmente usato in combinazione con il sistema operativo GNU: l'intero sistema è fondamentalmente GNU con l'aggiunta di Linux, cioè GNU/Linux. Tutte le distribuzioni denominate "Linux" sono in realtà distribuzioni GNU/Linux.".

Altro fatti importanti sul kernel Linux sono:

  • Tutti i file e le informazioni sul kernel Linux è gestito nel tuo Sito ufficiale. E da lì, puoi accedere ad altri importanti siti Web relativi al suo sviluppo.
  • Annunciato l'inizio dello sviluppo non ufficiale di Linux (versione 0.01), il 25 agosto 1991, da Linus Torvalds (LT), uno studente (23 anni) di Informatica presso l'Università di Helsinki, Finlandia.
  • Il kernel Linux ha dimostrato di essere capace, oggi, per crescere e adattarsi alle nuove tendenze e ai progressi tecnologici, in tutti i settori della moderna vita tecnologica, più velocemente di qualsiasi altro simile.
  • Il suo successo è sempre stato associato alla filosofia libera e aperta, dal momento che, dalla sua creazione fino all'ultimo sviluppo dei suoi giorni attuali, si è adattato alle disposizioni "Copyleft" della "Free Software Foundation (FSF)", e alle successive versioni della General Public License (GNU -GPL ).
  • Attualmente, il suo sviluppo è suddiviso in diverse categorie, noti come: Pre-lancio (Prepatch), Mainline (Mainline), Stable (Stable) e Longterm (Longterm). Che, spiegheremo più approfonditamente nel seguito di questo post, dove insegneremo anche come compilarne uno su Debian GNU/Linux.

Riepilogo: Banner post 2021

Riassunto

Insomma, sicuramente adesso molti avranno un'idea migliore di tutto ciò che ruota attorno al Kernel del sistema operativo e "il kernel Linux" specialmente. Tuttavia, se qualcuno conosce altre preziose informazioni storiche o tecniche, o ne ha dati esplicativi o rettifica di quanto qui fornito, puoi farlo attraverso i commenti.

E sì, questa pubblicazione ti è semplicemente piaciuta, non smettere di commentarla e condividerla con gli altri. Inoltre, ricorda di visitare il ns «pagina iniziale» per esplorare altre notizie e unirti al nostro canale ufficiale di Telegram di FromLinux, Ovest gruppo per ulteriori informazioni sull'argomento di oggi.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.