Stratis, una soluzione di gestione dello storage locale per Linux

Stratis

Stratis è un demone sviluppato da Red Hat e la comunità Fedora per unificare e semplificare le impostazioni dello spazio utente che configura e monitora i componenti esistenti dei componenti di archiviazione Linux sottostanti della gestione dei volumi LVM e del file system XFS su D-Bus.

Stratis non è un file system a livello utente come il sistema FUSE. Il demone di configurazione di Stratis è stato sviluppato per avere funzionalità di parità con ZFS e Btrfs. Poiché si basa su componenti comprovati dell'azienda LVM e XFS con oltre un decennio di implementazioni aziendali e lezioni apprese da System Storage Manager su Red Hat Enterprise Linux.

EIn altre parole, Stratis automatizza la gestione dello storage locale. Su un sistema a disco singolo, Stratis può rendere più conveniente separare logicamente / home da / usr e abilitare l'istantanea di rollback su ciascuno separatamente.

In configurazioni più grandi, Stratis può semplificare la creazione di un pool di archiviazione multi-livello e multi-disco e il monitoraggio del pool e quindi gestire il gruppo con meno sforzi da parte dell'amministratore.

A proposito di Stratis

Stratis fornisce funzionalità di stile ZFS / Btrfs integrando livelli di tecnologia esistente- Il sottosistema di mapping dei dispositivi Linux e il file system XFS. Il demone stratisd gestisce le raccolte di dispositivi a blocchi e fornisce un'API D-Bus.

Stratis-CLI fornisce uno strumento a riga di comando Stratis, che a sua volta utilizza l'API D-BUS per comunicare con stratisd.

A differenza di ZFS e Btrfs, i componenti Stratis funzionano solo nello spazio utente e non richiedono il caricamento di moduli del kernel specifici. Il progetto è stato inizialmente presentato come non richiedendo la gestione di un esperto di sistemi di archiviazione per gestire le valutazioni.

Per la gestione vengono fornite API D-Bus e cli-utility. Stratis è stato testato con dispositivi a blocchi basati su LUKS (partizioni crittografate), mdraid, dm-multipath, iSCSI, volumi logici LVM, nonché vari dischi rigidi, SSD e unità NVMe.

Se c'è un'unità nel gruppo, Stratis consente di utilizzare partizioni logiche con supporto snapshot per annullare le modifiche. D'altra parte, quando più unità vengono aggiunte al gruppo, è possibile combinare logicamente le unità in un'area continua.

Funzionalità come RAID, compressione dei dati, deduplicazione e tolleranza agli errori non sono ancora supportate, ma sono pianificate per il futuro.

Stratis ha anche altre caratteristiche come l'allocazione dinamica dello spazio di archiviazione, le istantanee, l'integrità e la stratificazione per la memorizzazione nella cache. Il codice del progetto è scritto in Rust e distribuito sotto la licenza MPL 2.0.

Ora il progetto è stato aggiornato dopo un anno di sviluppo, dal momento che il lancio del progetto è stato recentemente pubblicato Strati 2.0. In cui nell'annuncio di questa nuova versione si dice che i requisiti per la versione del compilatore Rust sono stati aumentati (almeno 1.37, ma è consigliato 1.38).

a parte quello vale la pena evidenziare un cambiamento significativo nel numero di versione associato a la ridenominazione di alcune interfacce D-Bus e il ridisegno dell'organizzazione del lavoro con D-Bus (Viene selezionato un insieme di proprietà fondamentali primarie e le proprietà rimanenti vengono ora richieste utilizzando il nuovo metodo FetchProperties.)

Anche quello la versione CLI è notevolmente più robusta. In precedenza, esisteva una categoria di condizioni di errore in gruppi, file system e dispositivi a blocchi che rendevano la CLI virtualmente inutilizzabile.

Come installare Stratis?

Stratis è disponibile per RHEL, CentOS, Fedora e derivati. La sua installazione è abbastanza semplice poiché il pacchetto si trova all'interno dei repository RHEL e dei suoi derivati.

Per installare Stratis basta eseguire il seguente comando in un terminale:

sudo dnf install stratis-cli stratisd -y

Oppure puoi provare anche quest'altro:

sudo yum install stratis-cli stratisd -y

Una volta installato sul sistema, deve abilitare i servizi Stratis, lo fanno eseguendo i seguenti comandi:

sudo systemctl start stratisd.service
sudo systemctl enable stratisd.service
sudo systemctl status stratisd.service

Per ulteriori informazioni sulla configurazione e l'utilizzo, è possibile visitare il seguente collegamento. https://stratis-storage.github.io/howto/


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.