Gnome 43 arriva con un menu ridisegnato, il passaggio delle app a GTK 4 e altro ancora

Gnome 43

La nuova versione continua il lavoro di migrazione delle applicazioni da GTK 3 a GTK 4.

Dopo 6 mesi di sviluppo, Gnome 43 è finalmente disponibile ed è che il team del progetto Gnome ha rilasciato la nuova versione di Gnome 43 che viene fornito con grandi miglioramenti di compatibilità con le applicazioni web e continua il passaggio a GTK 4.

Gnome 43 viene fornito con un menu di stato del sistema ridisegnato, che consente di modificare rapidamente le impostazioni più utilizzate. Le impostazioni che in precedenza richiedevano lo scavo nei menu ora possono essere modificate con il semplice clic di un pulsante. La configurazione rapida fornisce un accesso generale alla rete, Wi-Fi, modalità prestazioni, luce notturna, modalità aereo e persino modalità oscura. Il nuovo design consente inoltre di visualizzare facilmente lo stato delle impostazioni a colpo d'occhio.

Un'altra novità presentata da questa nuova versione di Gnome 43 è quella viene fornito con un file manager migliorato che è già aggiornato a GTK 4 e libadwaita. La nuova versione Ha un design adattabile che ti consente di utilizzare tutte le funzionalità del file manager ridimensionando le finestre a una larghezza più stretta. Il dispositivo di scorrimento della barra laterale in modalità stretta mi sembra molto ben implementato.

Altre modifiche derivanti dal passaggio a GTK4 includere le finestre delle proprietà di file e cartelle rifacimenti, menu riordinati e una visualizzazione elenco notevolmente migliorata che aggiunge elastici e preferiti di file.

Oltre a questo, si menziona anche quello possiamo trovare un'integrazione aggiuntiva con l'utilità Dischi, come la possibilità di accedere a un'opzione "formattazione" quando fai clic con il pulsante destro del mouse su un'unità esterna nella barra laterale File e che c'è anche una nuova finestra di dialogo Apri con che ti consente di scegliere l'applicazione utilizzata per aprire diversi tipi di file. Ecco un elenco non esaustivo delle modifiche al file manager Nautilus:

Un altro cambiamento che spicca è il browser web Gnome (precedentemente noto come Epiphany) che ora può gestire Firefox Sync per sincronizzare i segnalibri e la cronologia, così come alcune estensioni del browser. Non tutte le estensioni cross-browser, come quelli compatibili con Firefox e Google Chrome o Chromium, funzionano ancora. Pertanto, l'installazione dei plugin nel formato file XPI è disabilitata per impostazione predefinita al momento.

Degli altri cambiamenti che include Gnome 43 tra gli altri piccoli miglioramenti:

  • La tastiera virtuale ora mostra suggerimenti durante la digitazione. Mostra anche i tasti Ctrl, Alt e Tab durante la digitazione in un terminale.
  • La funzione screenshot web ora è più facile da usare: ora si trova nel menu contestuale della pagina web, oppure si attiva con la scorciatoia da tastiera Maiusc + Ctrl + S.
  • Anche sul Web, lo stile degli elementi dell'interfaccia della pagina Web è stato aggiornato per adattarsi alle moderne applicazioni GNOME.
  • L'app Personaggi ora include una selezione molto più ampia di emoji, incluse persone con diversi colori della pelle, sesso e acconciature e più bandiere regionali.
  • Alcune delle animazioni nella panoramica delle attività sono state ottimizzate per essere più fluide.
  • Le applicazioni GNOME "Informazioni su Windows" sono state riorganizzate, mostrando i dettagli su ciascuna applicazione.
  • Nel software, le pagine dell'applicazione hanno un selettore migliorato per la selezione di font e formati
  • Migliorato lo stile dell'interfaccia utente scuro utilizzato dalle applicazioni GTK 4, in modo che le barre e gli elenchi appaiano più armoniosi.
  • Quando ci si connette a GNOME con un'applicazione desktop remota (usando RDP), ora è possibile ricevere l'audio dall'host
  • La gamma di suoni di avviso di GNOME è stata aggiornata e include un nuovo suono di avviso predefinito.

Infine per chi fosse interessato a poter provare Gnome 43 puoi farlo con la versione beta di Fedora stazione di lavoro 37, che è disponibile e apporta pochissime modifiche al desktop.

Si vuoi saperne di più, puoi controllare i dettagli nel seguente link


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.